domenica 30 dicembre 2012

Tabella calorie

TABELLA CALORIE degli alimenti ...per orientarsi e scegliere di cosa cibarsi nutrendo il corpo e la mente

Tabella calorie | Dietaonline.it

sabato 29 dicembre 2012

Il nostro corpo è un microcosmo

Il nostro corpo è un piccolo universo.I nostri occhi sono il sole e la luna, quattro arti le quattro stagioni, i capelli ed i peli la vegetazione, il sangue che circola nei vasi acqua che scorre nei fiumi. Negli arti abbiamo 12 articolazioni principali (arto superiore :spalla, gomito, polso – arto inferiore : anca, ginocchio, caviglia) corrispondenti ai 12 mesi dell’anno. Teoricamente esistono 365 punti di agopuntura (nella realtà del tempo 361) in numero equivalente ai giorni dell’anno.
Il corpo stesso diviene specchio e riflesso della natura. I 12 meridiani principali sono grandi fiumi ed i meridiani curiosi sono laghi: quando vi è abbondanza d’acqua nei fiumi essa si riversa nei laghi, al contrario quando c’è scarsità d’acqua nei fiumi, i laghi vi riversano la loro acqua immagazzinata durante i periodi di sovrabbondanza.
Gli stessi nomi cinesi dei punti di agopuntura fanno spesso riferimento alla natura.
I muscoli e le articolazioni sono colline e montagne, gli spazi tra essi sono le valli del nostro corpo. Il punto LI 4 - Hegu denominato “congiunzione della valle” si trova in vicinanza del punto di unione tra primo e secondo metacarpo: infatti “He” significa unire e “Gu” valle, cioè la valle o depressione che si forma tra le due ossa. Il punto LI – 5 Yangxi si chiama così perché è dal lato yang del corpo (il meridiano del grosso intestino decorre sulla zona yang) mentre “Xi” significa incavo.
Il corpo è dunque un elemento dell’universo e, al tempo stesso, è un microcosmo. Esso è costituito da diverse energie che si compongono con un ritmo preciso nel tempo. Una buona concordanza dei ritmi determina nell’uomo buona salute, una discordanza di ritmi porta a malattia. Se infine – per una ragione qualsiasi – vi è separazione avviene la morte.

tratto da TAO, TRA FILOSOFIA E MEDICINA
DOTT. LEUNG KWOKPO http://www.riflessologiazu.it/documenti/Tao_Filosofia_Medicina.pdf

La genitorialità come fase dello sviluppo

Il bambino alla nascita è un enigma, egli rappresenta speranze e promesse per la realizzazione del proprio sé e allo stesso tempo preavvisa che egli può mostrare non solo le virtù ma anche i difetti dei genitori.
Questa minaccia alla stima di sé del genitore insicuro attiva lo sforzo del suo super-io ed intensifica i suoi sforzi per evitare gli errori e per sfuggire ai propri difetti, a volte fino ad un livello patologico.

La genitorialità come fase dello sviluppo (1959) di Therese Benedek

La parola che genera

.....

Discernere la realtà da ciò che è immagine di realtà, far sì che le immagini mentali che derivano dall’esperienza abbiano spazio per abitare la realtà soggettiva di chi le sviluppa e non siano in eccessivo ed insanabile contrasto con essa, in questo sta il gioco-lavoro dell’essere adulti, del diventare tali, del riuscire ad essere educatori.
Nel riflessivo “conoscersi” ritroviamo la doppia valenza, del conoscere se stessi e conoscersi reciprocamente in un rapporto interpersonale o di  gruppo: è questo il primo ed essenziale passo a cui è assoggettata ogni eventuale ulteriore scelta di cambiare qualcosa di sé o dei rapporti in atto. Il desiderio e la pratica reale del “conoscersi” può generare entusiasmo; solo a partire da ciò si può acquisire credibilità nei rapporti, soprattutto fra adulti e nuove generazioni.
Le problematiche psicologiche sono oggi amplificate dalla complessità delle condizioni di vita e da cambiamenti profondi e costanti. nell’organizzazione familiare e sociale. Si è in presenza di una permanente sovraesposizione stimolativa dovuta ai mezzi interattivi, contatti immediati e mediati con molteplici mondi, idee, immagini, suoni e parole. Valorizzare ciò che può umanamente arricchire, evitando ciò che potrebbe costituire un elemento d’eccesso, non assimilabile e pertanto dannoso, è possibile a condizione di conoscere profondamente se stessi e disporre di un senso critico adeguato. In assenza di ciò, il miscuglio interattivo generalizzato arreca confusione che sommandosi ad eventuali problemi personali di base non adeguatamente affrontati, diventa una miscela esplosiva di prima grandezza, per cui la crisi che giunge non è più semplicemente tale, ma si trasforma in bufera se non proprio tsunami emotivo.


continua....La parola che genera di Luciano Provenzano

domenica 23 dicembre 2012

EDUCAZIONE ALIMENTARE: Il Cibo del Bambino

Consigliata la visione a tutti i genitori
Il Cibo del Bambino - YouTube

Un bambino che prende abitudini alimentari e comportamentali salubri, diverrà un adulto più equilibrato, più in buona salute e trasmetterà benessere e buoni stili di vita.
Ricordiamolo soprattutto in questo periodo di festività natalizie...l'abbondanza e la prosperità si propizia proteggendo la nostra salute.
Buona VITA a tutt@

venerdì 21 dicembre 2012

Le 18 forme di Taiji qi gong


Ci sono molte versioni di questa pratica classica, alcune acrobatiche e molto belle da vedere altre più semplici e morbide. 
La versione che propongo io, di Qi Gong Medico Salutistico, è molto morbida, i movimenti sono contenuti e non complessi quindi si imparano e si memorizzano facilmente, si può praticare senza nessun rischio a qualsiasi età.Una volta capita ed imparata bene questa sequenza richiede al massimo 15 minuti.
 Fatta quotidianamente induce già un notevole cambiamento: meno tensioni fisiche ed emotive, più leggerezza e morbidezza, più elaticità e maggior buonumore…si diventa più pazienti e ci si arrabbia meno.
Quindi ideale sarebbe sempre farla tutta, in un corso di qi gong non potrebbe che essere proposta così.
LE 18 FORME DI TAI JI QI GONG
  1. Innalzare la potenza regolando la respirazioneInspirazione tutto il corpo si allunga verso il cielo e le braccia dal dantian inferiore(DTI) portano al dantian medio(DTM)
    Espirazione il corpo si rilassa e le braccia riportano al dantian inferiore
  2. Aprire il cuore ed allargare le veduteInspirazione il corpo si allunga, le mani salgono al DTM e si aprono
    Espirazione il corpo si rilassa  e le mani  raccolgono
  3. Brandire l’arcobalenoInspirazione le braccia ondeggiano verso sinistra
    Espirazione le braccia ondeggiano verso  destra
  4. Separare le nuvole ruotando le bracciaInspirazione il corpo si allunga e la braccia salgono fino al capo
    Espirazione il corpo si rilassa e le braccia scendono fino al DTI
  5. Ruotare le braccia sul posto (i due draghi)
    Espirazione quando il braccio spinge in avanti.
    Inspirazione  quando il braccio torna indietro.
  6. Remare sul lago
    Inspirazione durante la risalita
    Espirazione durante la discesa
  7. Sostenere una palla davanti alla spallaInspirazione a destra
    Espirazione a sinistra
  8. Ammirare la luna ruotando il corpoInspirazione durante la rotazione e l’allungamento per vedere la luna
    Espirazione quando le braccia tornano verso il centro
  9. Spingere il palmo ruotando il bacinoEspirazione spingendo il palmo
    Inspirazione raccogliendo
  10. Mani leggere sulle nuvoleInspirazione ruotando a sinistra
    Espirazione ruotando a destra.
  11. Raccogliere nel mare ed osservare il cieloInspirazione salendo
    Espirazione scendendo.
  12. Spingere l’ondaInspirare scendendo
    Espirare salendo.
  13. La colomba spiega le aliInspirazione aprendo
    Espirazione chiudendo.
  14. Pugno vigoroso estendendo il braccioInspirazione quando il braccio rientra.
    Espirazione quando il braccio esce.
  15. L’Oca selvaggia che volaInspirazione salendo
    Espirazione scendendo.
  16.  Ruota libera in rotazioneInspirazione salendo
    Espirazione scendendo.
  17. Segnare il ritmo battendo la pallaInspirazione quando salgono la mano destra e il piede sinistro
    Espirazione quando salgono la mano sinistra e il piede destro
  18. Placare il qi premendo con il palmoInspirazione salendo
    Espirazione scendendo
Buona pratica!
http://www.okada.it/blog/2012/09/25/18-forme-versione-integrale/

mercoledì 12 dicembre 2012

ISTAT 2012: La salute della popolazione italiana è a rischio

Mesi a parlare di ricette economiche anti-crisi per limitare, restringere, falciare di netto servizi sanitari, educativi, assistenziali, ed ecco la fotografia della popolazione italiana.
Italiani grassi e pigri, malattie cardiocircolatorie e tumori le prime cause di morte - Il Messaggero
L'Italia è un paziente in prognosi riservata e i medici (politici) stanno risparmiando sui farmaci salvavita.
Certo un popolo diabetico, artritico e depresso è facile da manipolare, ma i costi economici e sociali sono incalcolabili.
Altro che spread con i bond tedeschi!




Perché ingrassiamo

Un eccesso di carboidrati fa ingrassare, non fa bruciare i grassi, stimola maggiormente la fame, rende fisicamente meno attivi
Il nostro organismo si comporta pressappoco in questo modo: 
quando c’è abbondanza di glucosio, si adopera per utilizzarne il più possibile, e quello in eccesso lo immagazzina sotto forma di grassi; 
quando c’è carenza cerca di conservarlo il più possibile, prelevando i grassi dalle scorte e utilizzandoli come fonte energetica.
 Il meccanismo dell’insulina diventa “perverso” quando ne è secreta troppa: in questo caso la glicemia si abbassa troppo, il cervello va in crisi e invia all’organismo gli stimoli per introdurre nuovo combustibile (FAME)

 continua ....Perchè ingrassiamo | Parliamo di Benessere

lunedì 29 ottobre 2012

MTC:il Triplice Riscaldatore

il Triplice Riscaldatore

 "Il Triplo Riscaldatore riunisce sotto la sua egida i cinque organi (zàng) e i sei visceri (fu), lo yíng qì, wèi qì, jing qì, jing luò, l’interno e l’esterno, la sinistra e la destra, l’alto e il basso e ciò che noi chiamiamo Triplo Riscaldatore è il corridoio sopra e sotto lo Stomaco. Il Triplo Riscaldatore e le regioni associate appartengono così completamente allo Stomaco e la funzione di contr
ollo è esercitata da quest’ultimo. Il qì del Triplo Riscaldatore è utilizzato per far fermentare e cuocere gli alimenti. Il termine Riscaldatore jiao si riferisce alla funzione di cuocere."

 (Shén Jin’ao, "Lanterna Illuminante sulle Origini delle Malattie Complesse", del maestro Zábìng Yuánliú Xizhú.)


domenica 28 ottobre 2012

La sterilità psicogena

Cosa cercano le donne quando vogliono "fare un figlio"? E che ne è delle donne che non riuscendo a concepirlo si rivolgono alla medicina?Il percorso estremamente appassionante, mostra l'evoluzione da un desiderio di maternità ancora vago, a un totale cambiamento della percezione di sé. Ed è soprattutto il vissuto del corpo che viene modificato.Il corpo diventa la posta in gioco tra sé e il discorso medico.La domanda di avere un figlio si trasforma dinnanzi al medico in una domanda di sapere il perché della propria sterilità, che è al tempo stesso il perché delle proprie origini.Il testo mette in luce attraverso le parole stesse delle donne intervistate, come la medicina contribuisca, in un rapporto non sempre chiaro di causa-effetto, a favorire uno spostamento dal soggetto all'oggetto, rafforzando l'immagine di un corpo meccanico sempre più invivibile.
Continua... http://rolandociofi.blogspot.it/2012/06/la-sterilita-psicogena-cura-di-jacopo.html

venerdì 10 agosto 2012

Eau Good : l'alternativa sostenibile alle bottiglie usa e getta

Ormai sono centinaia le bottiglie di plastica che consumiamo all'anno solo per portarle con noi a lavoro, a scuola a passeggio. Se l'acqua distribuita dalle fontane e fontanelle pubbliche non è normalmente percepita gradevole per la forte presenza di cloro e minerali, allora questa bottiglia dotata di una barra di carboni attivi sembrerebbe in grado di eliminare il problema, rendendo di gusto gradevole e chimicamente bilanciata l'acqua del rubinetto.
Proviamola alla prima occasione e scambiamoci le opinioni....
Acqua con i carboni attivi: presentata la bottiglia organic Eau Good - carboni attivi, acqua del rubinetto, carboni attivi, bottiglie in plastica ,

giovedì 28 giugno 2012

Zhineg Qi Gong: intenzione in movimento

Alcuni agopunti importanti nella pratica del Zhineng Qigong

(Articolo tratto da http://cinaedintorni.wordpress.com/2012/01/)





GV20/Baihui. All’apice della testa, questo punto si può considerare in relazione alla ghiandola pineale, responsa...bile del controllo della crescita e della regolazione della funzione endocrina surrenalica, gonadica e tiroidea. Il punto è in relazione anche con l’equilibrio. La concentrazione su questo punto fa salire il Qi del corpo verso l’alto.

Yuzhen. Yuzhen o “Cuscino di Giada”, è localizzato tra la I vertebra cervicale e la base del cranio, nella fossetta tra i due fasci muscolari cervicali. Stimolare questo punto porta a una stimolazione del cervello, a maggiore chiarezza mentale, al miglioramento della concentrazione e della memoria, oltre che delle funzioni visive e olfattive.

Yintang. Corrisponde al “terzo occhio”, si trova tra le due sopracciglia. Punto di accesso al Dantian superiore, che si trova nella zona di congiunzione tra Yintang, Baihui e la fossetta occipitale posteriore. La sua apertura nelle pratiche di Qigong può portare a percezioni extrasensoriali.

ST13/Qihu. Al petto, sotto il punto medio del bordo inferiore della scapola, sulla verticale del capezzolo. Il nome, “Porta del Qi”, indica che il punto è come una porta per il Qi, soprattutto del Polmone e dello Stomaco. Rifornire di Qi questo punto permette di combattere le malattie respiratorie come dispnea, tosse, sensazione di pienezza al petto, mal di gola, e disturbi come singhiozzo e difficoltà di deglutizione.

SP21/Dabao. Sulla parte laterale del torace, sulla linea ascellare media, nel VI (il quart’ultimo) spazio intercostale; 6 cun sotto l’ascella, a metà strada tra l’ascella e l’estremità libera dell’XI costola sulla linea ascellare media. Il nome significa “Grande Contenitore”, “Grande Involucro”, e si riferisce al fatto che da questo punto parte una serie di piccoli vasi energetici collaterali che avvolgono come un involucro tutto il corpo. Inoltre, al centro tra i due SP21/Dabao e il punto CV17/Tanzong (“Centro del Petto”), tra i due capezzoli, è localizzato il Dantian mediano, in relazione al petto e all’Uomo, centro tra il Cielo e la Terra.

GV4/Mingmen. Questo punto, localizzato tra la II e la III vertebra lombare, rappresenta l’accesso alla “Porta della Vita”, o “Porta del Destino”. E’ un punto strettamente correlato ai Reni, e l’area che comprende il punto, i Reni e la zona circostante costituiscono la zona dove è conservato lo Yang del corpo e l’energia sessuale. Lo stile di vita moderno e le posture scorrette tendono a indebolire gradualmente questo punto. L’indebolimento dell’energia del Rene provoca molti disturbi, come lombalgia, disturbi dell’equilibrio, certe forme di depressione, facili paure.

Duqi. L’ombelico, è il centro di conservazione e accumulo dell’energia interna. Punto di accesso al Dantian inferiore, che si trova tra questo punto e GV4/Mingmen, sulla verticale del punto centrale del perineo.

KI1/Yongquan. Il nome significa “Fontana Gorgogliante”, e si trova nel punto più incavato della pianta del piede. A questo livello il Qi del canale del Rene fluisce verso l’alto come se provenisse da una fonte gorgogliante. Il punto capta il Qi della Terra

sabato 28 gennaio 2012

LA GENERAZIONE DEI VIDEOGIOCHI É GIÀ PRONTA: CRESCERÀ SIMULANDO di Francesco Antinucci « Rolandociofi's Blog

LA GENERAZIONE DEI VIDEOGIOCHI É GIÀ PRONTA: CRESCERÀ SIMULANDO
'via Blog this'

LA GENERAZIONE DEI VIDEOGIOCHI É GIÀ PRONTA: CRESCERÀ SIMULANDO di Francesco Antinucci « Rolandociofi's Blog

La scuola è (o dovrebbe essere) il luogo dell’apprendere. E’ naturale pensare che il come si apprende potrebbe essere rilevante per il suo funzionamento ma, stranamente, nessuna di queste discussioni se ne occupa. E’ dato per scontato. D’altra parte, cosa c’è di più naturale: si prende un libro, si legge, si studia e alla fine si sa. Si tratta solo di migliorare questo processo. E invece no. Il perno centrale di questo tipo di apprendimento è il testo scritto e, infatti, esso viene chiamato tecnicamente “simbolico-ricostruttivo”. La conoscenza da apprendere è formulata in linguaggio verbale; quindi, in simboli. Bisogna innanzitutto decodificare questi simboli, il che significa recuperare attraverso il loro significato ciò a cui essi si riferiscono (e questa è la parte simbolica); poi bisogna assemblare questi referenti “ricostruendo” le situazioni, gli stati di cose che le frasi del testo descrivono.
Tutto avviene nella mente: sia gli oggetti ricostruiti che i processi con cui vi si opera sono mentali. Questo lavorio mentale è cosciente e richiede attenzione: è poi più o meno difficile a seconda del numero e del tipo di operazioni che bisogna compiere per effettuare correttamente la ricostruzione. La sua caratteristica fondamentale è che non dipende dalla realtà: il testo è totalizzante e autosufficiente (al più rimanda ad altri testi); la conoscenza vi è completamente incapsulata. Se si fa bene il lavoro di lettura, decodificazione e ricostruzione, si apprende. Siccome questi lavori sono interamente mentali, l’ambiente di apprendimento migliore è quello che permette di svolgerli meglio, quello più adatto a mantenere attenzione e concentrazione; quindi un ambiente il più possibile privo di stimoli percettivi provenienti dalla realtà: la biblioteca o lo studio.



'via Blog this'

lunedì 2 gennaio 2012

Con le nostre mani...

Tratto da: http://www.ecplanet.com/node/2950

Fonte: 100salute.it

Per recuperare uno stato di piena salute occorrono tre fasi: pulizia, esercizi di base, potenziamento.

La prima fase da considerare è quella di risistemare i malfunzionamenti del corpo fisico e della sua struttura. Con questo obiettivo in testa andremo a normalizzare la struttura, la postura ed il movimento articolare. Inoltre attraverso il massaggio di specifici punti nel corpo in corrispondenza di nervi andremo a ristabilire determinate funzioni.

Questi punti di agopuntura o meglio di digitopressione, dato che non usiamo aghi, sono nella testa e sono particolarmente utili ed efficaci.

Si tratta di un micromassaggio che va a ristabilire o potenziare alcune funzioni, come ad esempio il senso dell'olfatto.

Come fanno questi punti ad essere efficaci ed influire sugli organi? Semplice, questi punti contengono una grande quantità di recettori che hanno un riflesso immediato sugli organi associati.

Questi punti di riflesso sono connessi a fibre nervose o vasi sanguigni e tramite queste "comunicazioni" possono intervenire indirettamente sugli organi.

La dimensione e l'attività elettrica dei punti può cambiare durante la giornata, durante le ore di sonno o le condizioni di salute del corpo. Ad esempio durante una malattia i punti possono aumentare fino ad un cm di diametro.